Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "per saperne si più"

Stampa

Valutazione

La valutazione è un processo dinamico molto complesso, il cui fine principale deve essere quello di favorire la promozione umana e sociale dell’alunno, la stima verso di sé, la sua capacità di autovalutarsi e di scoprire i punti di forza e i punti di debolezza.
Essa rappresenta una delle funzioni cruciali ed indispensabili nel processo di insegnamento/apprendimento, senza cui non si potrebbero seguire i progressi dell’alunno rispetto agli obiettivi ed ai fini da raggiungere durante la sua permanenza a scuola.
Tra questi vi sono: l’acquisizione e la trasmissione dei contenuti disciplinari (il sapere), la capacità di trasformare in azione i contenuti acquisiti (il saper fare) e la capacità di interagire e di tradurre le conoscenze e le abilità in razionali comportamenti (saper essere).
L’altra valenza importante che la valutazione porta con sé è riferita alla scuola stessa: la valutazione serve anche per verificare l’efficacia dell’azione didattica ed educativa messa in atto dalla scuola e ritarare, eventualmente, il lavoro nella fase di progettazione.
La valutazione, oggi più che mai, rappresenta la tematica maggiormente sentita nel mondo della Scuola, sia per le varie rilevazioni internazionali e nazionali sugli apprendimenti degli studenti, sia per i cambiamenti e le innovazioni introdotte nel sistema di valutazione.
Infatti in seguito all’introduzione del voto decimale, ripristinato dal decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio dibattito sul suo utilizzo e un adeguamento del POF alla nuova normativa.
In particolare si rende necessario esplicitare sia le modalità e i criteri adottati per la valutazione sia gli obiettivi di apprendimento ai quali si riferiscono le verifiche e la conseguente valutazione, in modo che vengano garantite coerenza, omogeneità, equità e trasparenza del processo valutativo.
L’Istituto Comprensivo di Altavilla Silentina, da sempre attento al processo di valutazione e nella consapevolezza che, come affermava Margherita Zoebeli, "educare è un verbo delicato, ma valutare lo è ancora di più”, intende:

  • Promuovere un contesto di lavoro sensibile alla dimensione della valutazione.
  • Adottare modelli condivisi di verifica che permettano una riflessione sui processi di insegnamento-apprendimento
  • Attuare un’attività di analisi dei dati emersi dalla valutazione esterna condotta dall’ INVALSI
  • Predisporre momenti di riflessione sul significato della valutazione degli allievi
  • Attivare l’Autoanalisi d’Istituto come strumento di miglioramento della Scuola attraverso la verifica della propria progettualità
  • Organizzare la valutazione del servizio scolastico sia interna, sia esterna
  • Sensibilizzare la comunità educante verso le innovazioni

Rafforzare nella comunità scolastica l’identità professionale e il senso di appartenenza.